Panorama del Villaggio di Angoli (Calabria)

 

PROVERBI E DETTI CALABRESI

Chi pocu se vanta e chilu can un vò nente

Chi ha na bona vigna ha pane e vinu chi ha una brutta vigna ha n’anima maligna

Nu te scordare duve si natu

Nu sputare supra u piattu duve hai mangiatu

Nu bicchere e vinu asciuca i suduri…Alla salute (brindisi)

U dicu e lu cantu sugnu calabrise e mindevantu

Futtitinde e penza a salute

Chine te futte è sempre chillu ca t’abbrazxza

U lupu cambia u vizu ma non u pilu

Testa chi nun parra se chiama cucuzza

Tuttu u mundu è paise duve c’è nu calabrise

Occhiu nun vide core nun dole

Chiove sempre supra u bagnatu

Mangiu vivu e mindefuttu

Quandu u caffè nun nesce, bagna u culu alla caffettera

Chi augura male ad autri, u sue è arrieti a porta

Mo, puru i pulici hanu a tussa

Sugnu cumu san roccu, nu me toccare can un te toccu!

Joca e fai pocu e, parra pocu

Quando te fiscanu e ricchie, ancunu te sparra

Mieglui campare pocu cu dignità ca assai senza vrigogna\

Cu parienti e amici nun cumperare e nun vindire

Nu me suonnu oru né argientu ma sugnu calabrise cientu pe cientu

Chi la fa l’aspetti

Occhiu pe occhiu dente per dente

Fatti i cazzi tui e campa celt’anni

Parri troppu pecchì nun te si ruttu u mussu

U cane e la patruna sunu guali. Muzzicanu!

Nun ciangere u passato ciangi ca i sazizzi sunu funuti!

Chi ha pocu s’accuntenta, chi ha troppu se lamenta

Quandu zappi e puti, ne cumpari ne niputi Quandu è tiempu e vimdignare, tutti niputi e tutti cumpari

Si te mariti si felice nu iuornu, se te cumperi nu puorcu si felice n’annu

E cose bone tenele care care pikki u bene se ciange quandu se perde

A mamma campa centu figli ma centu figli nu campanu nà mamma

Misi nà petra supra n’altra e me fici n’à villa cu piscina … oje….?(oggi)

Fa bebe e scordalu, fa male e pensace

A’ lingua maligna è chiù forte dà gramigna

Nu tè vrigognare de pezze allu culu ma vrigognate de sentirete qualcunu

U te vrigognare ch’è peccatu Nun fare bene ch’è sprecatu

Vene u mumento ca ognuno avrà chillu ca se merita

Se dice u peccatu ma nu u peccature

Chi se preja d’u male e l’autri u sue è arrieti a porta

CHI NASCE POVERU NUN DIVENTA PAPA

Chi nasce mappina mu po' diventare foulard

Chine me fa male male s’aspetta

Frequenta chine è miegliu e tie e pagane e spise

Chine ha la cuscenza a posto nun te evita ma reagisce

Triste chi dipende dell’amure: nasce una volta e cento muore.

A meglia parola è chilla ca ‘un se dice.
La miglior parola è quella che non si dice.

Maru cu stu pisu all’amuri, na vota nasci e natre centu mori

Chi te vo bene te fa ciangere; chi te vo male te fa ridere.
Chi ti vuol bene ti fa piangere, chi ti vuol male ti fa ridere (vale a dire chi ti vuole bene ti critica, al contrario di chi ti vuole male)

Cu ndavi muccia, cu non havi mustra. (Catanzarese)
Chi possiede averi li nasconde e chi non li possiede li mette in mostra.

Chine mangia e nun me mbita, nun campa mu se marita.
Chi mangia e non invita, che non viva per sposarsi.

Cu pucu se vive e cu nentee se more.
Con poco si vive e con niente si muore

Chiù allisciu u gattu, chiù arrizza u pilu.
Più lisci il gatto, più gli si rizza il pelo (vale a dire meglio tratti una persona, più essa ti si rivolta contro)

Chine se marita è cuntentu ‘nu jiornu, chine mmazza ‘ u pòrcu è cuntentu n’annu.
Chi si sposa è felice per un giorno, chi ammazza il maiale è contento per un intero anno.

Cchine nun se fa i fatti sui cu a lantena circai guai guai
Chi non si fa gli affari suoi, con la lanterna va cercando guai.

Fatte ‘a fama e curcate.
Fatti una fama e addormentati (vale a dire se raggiungi una buona fama puoi anche coricarti e vivere di quella)

A jumi cittu un ji a piscà. (detto reggitano)
Non andare a pescare al fiume silenzioso (vale a dire non ti fidare delle persone silenziose)

Duve cantanu tanti galli, ‘un fa mai juarnu.
Dove cantano tanti galli, il giorno non arriva mai (vale a dire quando a comandare sono in tanti, si conclude poco)

Si a fatiga era bona, l’ordinava u medicu.
Se la fatica facesse bene la prescriverebbe il medico

Tenitulu quattru chi cinci nu puonu.
Trattenetelo in quattro che cinque non ce la fanno (detto ironicamente su chi minaccia senza avere la forza).

Quandu eramu ziti caramelle e ciucculate, mo’ chi simu maritati pane duru e bastunati!
Quando eravamo fidanzati caramelle e cioccolata, adesso che siamo sposati pane duro e bastonate.

Vrocculi e predicaturi doppu Pasqua perdunu ‘u sapuri.
Dopo Pasqua broccoli e predicatori perdono il sapore (vale a dire ogni cosa va fatta al tempo giusto)

Vai ‘chi megghiu toi e facci i spisi. (Catanzarese)
Frequenta gente migliore di te e, se è necessario, impara da loro.

Amici e cumpari, parole pocu e ‘cchjàru.
Con amici e con compari, parla poco e in modo chiaro.

Meghiu pani e cipudda o to paisi, chi nu palazzu a mmenzu e missinisi. (Reggino)
Meglio pane e cipolla al tuo paese, che un palazzo in mezzo ai messinesi.

A cunfidenza è patruna da malacrianza
La confidenza è padrona della cattiva educazione.

Cu amici e cu parenti no cattari e non vindiri nenti. (reggino)
Con amici e con parenti non comprare e non vendere niente.

Vui sapire qual’è lu megliu jocu? Fa benee parra pocu.
Vuoi sapere qual’è il gioco migliore? Fai del bene e parla poco.

Passunu l’anni e crisciunu i malanni.
Passano gli anni e crescono i malanni.

Duru cu duru non fabbrica u muru.
Duro contro duro non costruisce un muro (vale a dire un testardo contro un altro testardo non costruisce nulla).

A pignata de cumune nun vulle mai.
La pentola della comunità non bolle mai (vale a dire nelle cose fatte insieme, ognuno pensa che siano gli altri a farsi carico dei lavori)

Casa senz’amure, casa cu dulure!
Casa senza amore, casa con dolori!

Dulure de mole, dulure de core.
Il mal di denti è come il mal di cuore; forte e duraturo.

Ogliu de n’annu e vinu di cent’anni.
L’olio di un anno e il vino di cent’anno (vale a dire l’olio deve essere nuovo se si vuole che sia buono, mentre il vino deve invecchiare)

A purpetta gioia mia è na cosa ca te ricria.
La polpetta, gioia mia, è una cosa che ti fa godere.

‘U miluni non semprenesce russu.
L’anguria, al suo interno, non sempre è rossa (vale a dire mai fidarsi mai delle apparenze)

L’amuri è comu l’acqua: in calata va ‘n chianata no.
L’amore è come l’acqua: va in discesa ma non in salita.

Ora chi fiurio la mmendulare, l’amuri è intra e non nesci cchiu’ fora. (Siciliano)
Ora che è fiorito il mandorlo, l’amore entra dentro e non esce più fuori.

One capu è nu tribunale.
Ogni testa è un tribunale.

Vizi e natura finu a seportura.
Vizi e abitudini fino alla sepoltura.

Acqua, cunnigli e sale, a cu na né dumanda, non li dare.
Acqua consigli e sale, a chi non te li chiede non li dare.

Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l’avi purtatu. (Catanzarese)
Il rispetto è misurato, chi lo porta lo riceve.

Si u s’ nu dente, u sa tutta a gente!
Se lo sa un dente lo sa tutta la gente (vale a dire che quando un segreto è rivelato ad una sola persona è come se lo sanno tutti)

Amaru u picciulu chi vacia ncio’randa. (Catanzarese)
Amaro il piccolo che va nel grande (cioè è amara la sorte del piccolo che viene mangiato dal grande)

A vogghia mu ndi fai ricci e cannola, ca u santu ch’è de marmuru non suda. (Reggino)
Hai voglia a fare ricci e cannoli, il santo che è di marmo non suda (È inutile insistere con le lusinghe, se la persona a cui ci si rivolge è fredda e insensibile)

A raggia d’a sira stipala pe la matina.
La rabbia della sera conservala per il mattino.

Cu’ va ‘nda l’avvucatu, perdi l’urtimu ducatu. (Catanzarese)
Chi va dall’avvocato, perde l’ultimo ducato (vale a dire chi va dall’avvocato perde causa e soldi)

Cu joca sulu non si ‘ncazza mai.
Chi gioca da solo non si incavola mai.

Bona maritata, senza donna e canata.
Contrae un buon matrimonio chi non ha né suocera né cognata.

Fore du culu miu duve piglia, piglia
All’infuori del mio sedere, dove piglia piglia (vale a dire succeda qualunque cosa, l’importante è che le disgrazie stiano lontano da me)

Acquazzina ‘un inchie u puzzu.
La rugiada non riempie il pozzo.

Quandu a vucca mangia e u culu caca mi nde futtu di medici, di medicini e di chine vinde.
Quando la bocca mangia e il sedere evacua, me ne frego dei medici delle medicine e di chi le vende

Cu lu patre e cu’ patruni sempre tortu e mai ragiune.
Con il padre e con il padrone sempre torto e mai ragione.

A strata longa rumpe ‘u carru.
La strada lunga rompe il carro (vale a dire le cose che durano troppo finiscono male)

Giustizia e sanità, amaru chi nun ha.
Giustizia e salute, infelice chi non ne ha.

See corna forranu frasche, e teste forrano vuochi voschi.
Se le corna fossero fronde, le teste sarebbero boschi.

Megghju aviri a chi fari cu centu briganti, ca cu nu stortu gnuranti. (Reggino)
E’ meglio aver a che fare con cento briganti, piuttosto che con un solo stupido
.

Cu “no” ti spicci, cu “si” t’impicci. (Reggino)
Con il no tagli corto, con il sì rimani invischiato.

Nci ‘mmncava u chjòvu. (Reggino)
A mancare era il chiodo (Alcune origini di liti partonoda poco, indicate appunto dal “chiodo”)

Se spagna puru ca u culu l’arrubba a’ cammisa.
Teme persino che il suo culo possa rubargli la camicia. (non si fida neppure di se stesso)

Cu ‘ndeppi focu campau, cu ‘ndeppi pani moriu. (Reggino)

Chi ha avuto il fuoco è vissuto, chi ha avuto il pane è morto (vale a dire non basta solo avere il pane, occorre anche avere una il focolare di una casa)sa)

Ne seguiranno altri!